L’evento conclusivo della Summer School – Sorrento, “Insieme perché l’Italia torni a crescere. Il contributo dei moderati” ci ha fornito l’occasione per chiarire, una volta per tutte, in maniera inequivocabile, la nostra posizione politica, la nostra identità e le idee da mettere in campo per l’Italia che vogliamo.

Abbiamo dato risposte chiare ai tanti denigratori e detrattori che, in questi mesi, non hanno fatto altro che criticare il nostro operato e cercare in tutti i modi di far passare messaggi ambigui e destabilizzanti per confondere gli italiani sulla nostra azione di governo e sulla direzione politica.

Oggi più che mai siamo convinti della nostra scelta. Quella scelta coraggiosa compiuta due anni fa che trova pieno riscontro nelle riforme realizzate grazie al nostro indispensabile contributo. Gli obiettivi raggiunti da questo governo rispecchiano per tanti aspetti i punti programmatici di un centro destra che negli anni ha dovuto fare i conti con una impossibilità riformatrice dettata da inutili tatticismi.

Siamo in questo governo per fare le riforme. Siamo in questo governo perché per noi viene prima l’Italia. Siamo in questo governo perché temi come ‪#‎Sud‬, ‪#‎fisco‬, ‪#‎giustizia‬, ‪#‎immigrazione‬ ci chiamano a rispondere con i fatti a domande che da troppo tempo attanagliano questo Paese.
Siamo in questo governo perché la domanda che ci poniamo ogni giorno non è “con chi stai?” ma “stai facendo la cosa giusta?”.

I fatti ci dimostrano che stiamo facendo la cosa giusta, che abbiamo ragione. Abbiamo avuto ragione in Europa sul tema dell’#immigrazione, abbiamo avuto ragione dai dati ‪#‎istat‬ e cercheremo di avere ragione sempre! Perché battersi per avere ragione vuol dire battersi per gli ‪#‎Italiani‬.

In queste settimane, stiamo alacremente lavorando per far sì che dopo l’approvazione delle riforme costituzionali, due priorità del nostro programma diventino priorità del Governo. Parliamo di #Sud e ‪#‎Famiglia‬. Temi che devono essere messi al centro dell’azione governativa.
Come ha ben ribadito Angelino Alfano, nel corso dell’intervento di ieri, vanno inserite “nella Legge di Stabilità misure per la crescita del Sud e a sostegno delle Famiglie che hanno resistito ai durissimi colpi della crisi che dura ormai da troppi anni.”

Abbiamo risposto a Matteo Salvini con i fatti perché “abbiamo collocato l’Italia dalla parte giusta della storia, dalla parte di chi salva vite, arresta gli scafisti e sequestra le imbarcazioni, mentre lui diceva che bisognava far morire quegli uomini, quelle donne, quei bambini che difronte alla certezza della morte attraversano il Mediterraneo con la speranza di arrivare vivi dall’altra parte”.

Infine, ieri a Sorrento, in una giornata ricca di contenuti e tematiche interessantissime, abbiamo rivendicato la nostra autonomia politica, rispondendo ai tanti che ci davano per finiti o desiderosi di confluire nel PD.

Siamo e restiamo convinti delle nostre idee, delle nostre radici e delle nostre scelte coraggiose.

‪#‎lasceltagiusta‬