Rivoluzionare la ‪#‎sanità‬ campana? In tanti casi la storia ci ha insegnato che le rivoluzioni destabilizzano e non stabilizzano.

Ho letto con molta attenzione le promesse del Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e, sinceramente, non tutto può essere legato alla chiusura dell’Arsan. Tante proposte del Presidente De Luca sono condivisibili ma l’obiettivo principale deve essere il miglioramento dei servizi offerti alla cittadinanza in termini di quantità e soprattutto qualità.

Inoltre, non si deve gettare al vento il buon lavoro svolto nei cinque anni precedenti dal professore Raffaele Calabrò. È indispensabile che la politica esca realmente dalle corsie degli ospedali.

Impegniamo le nostre energie per evitare che vadano via dalla ‪#‎Campania‬ tante eccellenze nel comparto sanitario, anzi lavoriamo per far rientrare i tanti professionisti che sono stati costretti ad emigrare e che attualmente guidano strutture a carattere scientifico in Lombardia, Toscana, Lazio o Veneto.

Dobbiamo dirlo chiaramente: il miglioramento delle prestazioni non passa soltanto attraverso la razionalizzazione delle strutture ma anche con l’aumento della qualità delle risorse umane.

Un altro obiettivo è l’uscita della Campania dal piano di rientro e l’applicazione del ‪#‎PattoperlaSalute‬. Consentirebbe alla nostra regione un bel passo in avanti perchè leggendo i dati di alcuni ospedali è veramente assurdo leggere di liste d’attesa di oltre sei mesi o in alcuni casi di un anno, con strutture che eseguono interventi sotto gli standard fissati.

A breve ci sarà un incontro con il Ministro Beatrice Lorenzin per analizzare le questioni della sanità campana.

Lancio un’ulteriore proposta a De Luca: a proposito di tagli e ottimizzazione perchè non pensare ad un accorpamento di alcune Asl con le Aziende Ospedaliere?

In diversi territori non solo consentirebbe risparmi importanti ma anche un interscambio di professionalità che sarebbe utilissimo per il miglioramento delle prestazioni.

Sulla sanità tanto è stato fatto e tanto c’è da fare.
Se il Presidente De Luca veramente vuole migliorare la sanità, evitando lottizzazioni e spartizioni, noi di Ncd-Campania Popolare saremo pronti a discutere e ad offrire il nostro contributo; se invece dovessimo scoprire che gli obiettivi sono diversi non ci tireremo indietro dalla battaglia.